Riccardo Savinelli

Riccardo Savinelli

Corso avanzato

Riccardo Savinelli è violista del Quartetto Mirus. Collabora stabilmente come Prima Viola con i Solisti di Pavia di Enrico Dindo, Solisti Aquilani, Orchestra Filarmónica di Torino, Orchestra da Camera di Pescara Colibrì Ensemble. Suona in orchestre quali l’Orchestra Mozart di Bologna, Spira Mirabilis, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Orchestra Leonore di Pistoia, Orchestra delle Settimane Musicali di Stresa, diretto tra gli altri da Maga, Barshai, Penderecki, Noseda, Maazel, Pappano, Haitink. Vince il concorso per Prima Viola dell’Orchestra Sinfonica di Roma, ruolo che ricopre per 10 anni. Ha suonato nelle sale più prestigiose del mondo come la Philarmonie (Berlino), Cadogan Hall (Londra), National Theatre (Pechino), Auditorium Nacional (Madrid), Basf-Festival (Ludwigshafen), Mozarteum (Salisburgo), Musikverein (Vienna), Carnagie Hall (New York), Kennedy Center (Washington), KKL di Lucerna. La sua particolare predilezione per la musica da camera lo porta a collaborare con musicisti quali Enrico Dindo, Francesca Dego, Mario Brunello, Pavel Vernikov, Andrea Oliva, Enrico Pace, Giovanni Sollima suonando per Guggenheim Foundation, Accademia dei Cameristi di Bari, Settimane musicali di Stresa, Festival di Spoleto, Festival di Portogruaro, Amici della Musica di Modena, Fondazione Teatri Reggio Emilia, Unione Musicale di Torino, GOG di Genova, Concerti per il Quirinale, Mecklenburg-Festival, Ravello Festival, Accademia Filarmonica Romana. Svolge intensa attività concertistica con il Quartetto Mirus, formazione che si esibisce per i più importanti festival italiani ed europei, con un repertorio che va dal primo Settecento fino ai giorni nostri. Nella sua decennale carriera il Quartetto Mirus ha collaborato con musicisti ospiti quali Mario Brunello (Antiruggine), Cristina Zavalloni (Unione Musicale di Torino), Belcea Quartet (GOG di Genova). Si interessa anche di musica contemporanea e si cimenta nell’esplorazione di nuovi linguaggi musicali, cosa che lo ha portato a partecipare a diversi progetti realizzati dal “She lives ensemble” di Roma, suonando per istituzioni quali l’Accademia Filarmonica Romana; con il Black Mountain String Quartet ha eseguito per l’Istituto Svizzero di Roma il monumentale Secondo Quartetto di Morton Feldman, opera eseguita solo una decina di volte dalla data di composizione per la complessità del brano e per la durata (6 ore continuative); con il Quartetto Mirus ha eseguito per i Concerti del Quirinale in diretta Radio Rai3 l’ultimo lavoro da camera del grande compositore contemporaneo Thomas Ades, “The four Quarters”, primi ad eseguirlo in Italia dopo la sua Premiere avvenuta nel 2011. Ha inciso per Decca, Sony, Brilliant, Tactus. Per Naxos ha inciso da solista il Triplo concerto di Ghedini e recentemente con il Quartetto Mirus un cd inedito di composizioni di Felice Giardini. Si diploma in Viola presso il Conservatorio di Novara, in seguito ottiene il Master Degree presso la Hogheschool di Gent (Belgio) sotto la guida di Michael Kugel. Si perfeziona con Danusha Waskiewicz (Orchestra Mozart e già Prima Viola dei Berliner), Simonide Braconi (Prima Viola del Teatro alla Scala), Simone Briatore (Prima Viola dell’Accademia di Santa Cecilia), Gilad Karni (Prima Viola della Thonhalle di Zurigo). Parallelamente si laurea in Filosofia su una tesi di Filosofia della Musica con Livio Bottani. Collabora per 10 anni con la rivista “Allegro con Brio” diretta da Luigi Fait per la quale scrive articoli di filosofia e musica. E’ ideatore, insieme all’attore e regista Alessandro Rubinetti, delle visite teatrali musicali organizzate presso il Museo degli Strumenti Musicali di Roma. Frequenta la scuola di fotografia presso Officine fotografiche di Roma ed espone per diverse realtà nazionali. Grande appassionato di letteratura, ha frequentato corsi di scrittura creativa della Scuola Holden e ha pubblicato racconti per Giulio Perrone Editore.

È docente di Viola presso ISSM ‘Briccialdi’ di Terni e ideatore e insegnante insieme a Mario Montore, Davi Romano e Massimo Spada dell’ Avos Project- Scuola internazionale di musica.

Alessio Pianelli
Luca Sanzò